Adriana Soares

“photography &

Soul PhotoDigiPainting Art”

 









DIRITTO D’AUTORE SUL WEB (art. 2575 c.c.).
Su internet occorre rispettare il copyright, a meno che l’autore non indichi chiaramente il contrario ed anzi inviti a diffondere il più possibile i suoi testi e/o le sue immagini. Ogni opera creativa, e quindi anche i testi e le immagini su Internet, sono automaticamente protette da copyright per il solo fatto di essere state create e quindi di esistere. E’ assolutamente vietata la copiatura e/o l’inserimento delle stesse in pagine di terzi – inclusi i Blog – senza alcuna richiesta scritta di autorizzazione. Tale disposizione è tutelata dalle norme vigenti in materia di Diritti d’Autore, pertanto il mancato rispetto di tali normative rende il soggetto responsabile di “Uso improprio”. Non si possono quindi riprodurre intere pagine, ma solo dei brevi passaggi, purchè venga citata la fonte e ad esclusivo scopo di studio e documentazione e non a scopo commerciale e/o di riproduzione artistica.

Tutte le pagine, fonte di processo creativo, sono di proprietà di Adriana Soares. I link indirizzati a questo sito provenienti da siti di terzi, sempre nel rispetto delle norme sulla privacy sono autorizzati.































 



"Adriana Soares è l’artista della fotografia  che  unisce insieme alla tecnica pittorica le polarità di questa dialettica in un corpo unico :è il modo specifico scelto da questa artista, piena di energia , capace di interpretare in modo diverso ogni volta il luogo dell'esposizione come un campo di magnetismo modellabile dai suoi occhi.

Ciò che conta per l’artista è quello di assicurare il dinamismo della fatuità, dell'ombra e della luce e  quasi con aria stupita ,riportare il frazionamento dell’immagine alla dilatazione del suo obiettivo fotografico, che, con continui spostamenti e movimenti o strappi e sovrapposizioni sembra rompere lo schema convenzionale, riportando ogni visione al centro di un solo percorso .

Gli scatti  si alternano per muoversi  in aree impenetrabili, in un flusso di percezioni che oscillano tra l'interno e l'esterno , anche nei punti più indecifrabili , dove pure l’immagine di se stessa è presa nella sua vivace predominanza.

Nel suoi lavori di estetica surrazionale partecipano tecniche assolutamente diverse tra loro come la fotografia e pittura. E' un’oscillazione tra tradizione e innovazione.Idea immaginativa e tecnica razionale...  Adriana Soares sintetizza questo proposito , la combinazione di una semplice forma come una sorta di colonna vertebrale avvolta  sull'asse di carico di tutta la costruzione dell’immagine, con l’ aspetto di un corpo vibrante esaltato nelle proprie sporgenze sinuose, emblematiche e seducenti .

C'è un impatto frontale che non permette alcuna via di scampo, attira gli occhi lungo la proliferazione di forme con risonanze biomorfe , ogni elemento dialoga con gli altri nell’ impulso concreto di rispondere.

Lo sguardo va nelle aperture interne , nei nascondigli dell'inconscio , esplora incessantemente lo spazio tra visibile e invisibile , scava nell’io stesso dell’Artista, nello stesso modo in cui Adriana si mostra ,ma nello stesso tempo come in un atto di rimozione,celandosi, per lasciare intravedere le strutture più interne dell’anima.

La presenza del colore è spesso totale , in altri casi dialoga con il bisogno di policromia come variazione interna al dominio di una suola timbrica : in ogni caso ciò che conta è la capacità di emettere l'energia primaria direttamente connessa al carattere proliferante del legame con la terra,con il cosmo,con le sue radici profonde.

Al di là dei colori fondamentali, Adriana utilizza anche il bianco o nero , con sfumature brillanti per definire il valore assoluto delle forme , o sceglie di affidarsi ad  illustrazioni a colori  per la presenza di altre energie simultanee vibranti nello stesso nucleo.

A volte le figure sembrano fioritura, fioritura dal  mare dalla terra,dal cielo, fioritura di eventi biologici, evocazioni mimetiche , che alludono alle architetture naturali , nel confronto con le strutture originarie del mondo onirico e fantastico."

Maria Grazia Todaro





"La fotografia di Adriana Soares sa di vita. Un percorso che parte dalla bambina, dai piaceri istintivi per la pittura, dal sacrificio, dalla professione di modella che le fa girare il mondo e le fa conoscere la fotografia, la fa innamorare forse proprio perché s'accorge che in una foto, anche se apparentemente statica, può raccontare un'intera vita. Il fermo immagine di un momento che apre la mente ad un prima e un dopo, che porta lo spettatore di fronte a una ricerca e compie quel piccolo miracolo che solo l'arte, quando è tale, può fare: essere da stimolo per la creatività altrui.

Momenti di vita per ritrovare, poi, il tassello più importante. La ricerca della bambina che giocava a mescolare i colori improvvisamente si compie e quegli stessi colori, con la stessa energia e lo stesso istinto, ma con più consapevolezza, ritornano e si fondono con le opere fotografiche mostrandoci immagini fresche, nuove, che a volte trattengono e altre volte rilasciano una gran quantità d'emozioni. L'unire, o meglio, la fusione tra questi volti apparentemente inquieti con angoli della città, o della natura, appare come una sorta di Dna dell'anima e non solo di chi crea ma soprattutto di chi ne usufruisce.

Adriana ha in sé e nelle sue opere, la determinazione di ogni giorno che ha vissuto e che vuole trasmettere agli altri per emozionare come fosse una mano invisibile che ci accompagna per mano. Un cerchio che si chiude, la bambina e l'artista, oggi donna, in uno stesso corpo, in uno stesso nuovo linguaggio..."

Poeta Alessandro Vettori


Adriana Soares


Mail: adrianasoaresph@gmail.com



Follow me on:


Twiter         Facebook           Flickr           LinkedIn       Blog      Wordpress